20 anni con gli impianti. Una storia da raccontare

//20 anni con gli impianti. Una storia da raccontare

20 anni con gli impianti. Una paziente di 77 anni racconta la sua esperienza.
D: Ci vuole raccontare la sua storia ventennale di paziente riabilitato con gli impianti ?

R: Dall’eta di 25 anni ho cominciato a soffrire di problemi dentali con gengiviti ricorrenti e piorrea.

Negli anni seguenti il mio fastidio alla protesi mobile, che ero costretto a portare su parte dell’arcata dentale superiore, stava aumentando sempre di più, fino a diventare intollerabile.

Arrivato all’ età 55 anni, confesso che desideravo eliminare più i disagi funzionali (pratici), che estetici. La protesi mobile era davvero un tormento continuo. La gengivite mi arrecava dolore durante la masticazione ed a tavola era davvero un brutto vivere.

Ricordo che agli inizi degli anni 90 la mia infelice situazione spesso richiedeva l’estrazione di un dente. La protesi mobile, di conseguenza, doveva cercare altri supporti e andava di frequente sostituita. Ne conservo ancora a casa diversi modelli. Le cose continuavano a peggiorare e non avrei sopportato l’idea di ricorrere alla dentiera completa.
D: Come è venuto a conoscenza della ClinicaOdontoiatricaVilla?

R: Sono venuto a sapere della possibilità di risolvere i miei problemi con l’Implantologia tramite il passa parola ed a un amico dentista. E senza andare in una grande città, come avevo inizialmente immaginato e prospettato.

Infatti l’amico dentista mi aveva detto: ” Guarda che a Biella c’è un bravo Implantologo”. Si riferiva al Dr. Roberto Villa.
D: Si ricorda come sono avvenute le fasi della sua riabilitazione ?

R: Prima è stata curata l’arcata inferiore (mandibola) e successivamente l’attenzione è stata rivolta all’arcata superiore (mascella).

Ricordo che è stato necessario innanzitutto rimuovere i 12 denti che mi erano rimasti.
D: Ha dovuto aspettare parecchio per ottenere una protesi fissa avvitata sugli impianti ?

R: Circa 12 mesi. Infatti prima mi sono stati tolti i denti e mi è stata consegnata una dentiera superiore ed una inferiore che ho dovuto portare quasi per un anno. Quindi, tre mesi dopo l’estrazione dei denti, sono stati inseriti gli impianti e sommersi sotto la gengiva. E’ stato poi necessario un terzo intervento per scoprire gli impianti ed avvitare sugli stessi un provvisorio. Ricordo che l’estrazione dei denti è stata fatta a gennaio ed io, finalmente, a Natale avevo una protesi provvisoria fissa, sia superiore che inferiore.
D: La funzionalità era stata quindi ristabilita, ha trovato giovamento?

R: Grazie all’Implantologia e con questo tipo di riabilitazione ero come rinato, sono tornato a masticare normalmente e potevo mangiare di tutto. E senza avere male alle gengive, come spesso mi capitava. Ovviamente anche l’aspetto estetico era migliorato moltissimo.

Era come avessi avuto di nuovo in bocca i miei denti naturali. Nei primi tempi avvertivo su di essi le sensazioni di freddo, per esempio mangiando un gelato. Era davvero curioso.
D: In questi 20 anni sono stati necessari dei controlli ed è andato sempre tutto bene?

R: A parte il primo anno, ci sono state delle complicanze con la prima protesi che mi era stata avvitata.

E’ stato necessario rifarla perché ogni tanto perdevo qualche dente e ad un certo punto si era rotta proprio parte della protesi.

Sapevo che gli impianti dentali erano sicuramente ben fissati nell’osso ( erano, come diceva il Dr. Villa, osteointegrati) e intuivo fosse solo un problema protesico. Con i nuovi materiali probabilmente sarebbe stato risolto. Bisognava pazientare ed essere fiduciosi. D’altra parte il mio caso era uno dei primi di riabilitazione totale che il Dr. Villa ed i suoi tecnici di laboratorio avevano affrontato. Ho avuto questa pazienza e le cose sono migliorate.
D: Se dovesse segnalare un difetto o una critica da fare alla sua ventennale riabilitazione con gli impianti, cosa vorrebbe dire ?

R: Ecco, non posso più fischiare, se lo faccio lo devo fare in play-back…….

Commento all’intervista

Vogliamo segnalare come il nostro paziente abbia dimostrato tenacia e motivazione nel perseguire un risultato pienamente soddisfacente. Pensate solo al tempo trascorso dall’intervento a quello della consegna del provvisorio. Quasi un anno!

Oggi è possibile estrarre i denti residui malati e nella stessa seduta inserire gli impianti ed avvitare nel giro di 24 ore su di essi dei denti provvisori. Questo protocollo di Implantologia dentale si chiama carico immediato post-estrattivo.

Ai tempi di questo intervento, vent’anni orsono, questa procedura chirurgica non esisteva.

Infatti, secondo gli studi del Prof. Branemark, era necessario un periodo di attesa di 3-4 mesi nella mandibola e 5-6 nella mascella prima di poter utilizzare gli impianti ai fini protesici.

Quindi,in un caso come quello del nostro paziente intervistato, era necessario:

1 Estrarre i denti

2 Riabilitare provvisoriamente il paziente con una dentiera,

3 Aspettare qualche mese la guarigione delle gengive,

4 Posizionare gli impianti sommergendoli sotto la gengiva,

5 Fare, dopo un periodo di 3-6 mesi, un ulteriore intervento per mettere alla luce gli impianti sommersi ed utilizzarli per avvitarci sopra, dopo qualche settimana,una protesi provvisoria.

Oggi il carico immediato post-estrattivo è il protocollo normalmente seguito nella nostra Clinica.

Un paziente cioè con problemi di piorrea ed addirittura infezione in atto, può con una sola seduta di Implantologia ottenere nel giro di 24 ore una protesi dentale fissa avvitata sugli impianti, del tutto simile ai suoi denti naturali.

Aggiungiamo ancora che, con l’evoluzione dei materiali protesici, gli inconvenienti come quelli riportati dal paziente nell’intervista, sono pressoché scomparsi.

2018-11-08T10:22:57+00:0022 settembre 2012|Il racconto dei pazienti|0 Commenti
Dott Roberto Villa
E’ l’ideatore dell’innovativa tecnica di Implantologia Estetica Immediata OnlyOne®, la quale è stata recentemente pubblicata come “Nuova Tecnica” sull’importantissima rivista americana “The International Journal of Periodontics and Restorative Dentistry”. E' stato relatore a “Departement of Implant Dentistry della “Peking University”. Relazione sul “Carico immediato Post-estrattivo”

Scrivi un commento

INFO E PRENOTAZIONI