Denti sensibili cause della sensibilità dentinale

//Denti sensibili cause della sensibilità dentinale

Quando si avverte un dolore pungente ai denti (a volte breve ed a volte prolungato) dopo il contatto con cibi, liquidi caldi o freddi si parla di sensibilità dentale (denti sensibili). La corona del dente è protetta dallo> smalto dentale (lo strato più esterno). Quando lo smalto dentale è assottigliato o del tutto assente, come nel caso della carie iniziale o avanzata, viene esposta la dentina (sostanza compresa tra lo smalto, il cemento e la polpa). La dentina è attraversata da terminazioni nervose che partono dalla polpa sottostante.

Ecco perché, una volta esposta la dentina, si possono avvertire sensazioni dolorose al contatto con alimenti caldi o freddi.

Lo smalto dentale non si deteriora solo a causa della carie ma anche per:

  • spazzolamento troppo aggressivo.
  • tecnica di spazzolamento scorretta.
  • tipo di spazzolino dentale non idoneo (setole dure).
  • spazzolino rovinato (setole aperte).
  • dentifrici che contengono sostanze troppo abrasive (tipo alcuni dentifrici sbiancanti).
  • bruxismo ovvero digrignamento notturno (stringere i denti con eccessiva forza durante il sonno).
  • acidi gastrici in pazienti che hanno un reflusso gastrico o pazienti bulimici (che forzano il vomito volontariamente).
  • cibi e bevande acide (frutta, succo di frutta, yogurt, coca cola).

Un’altra causa piuttosto comune di denti sensibili, soprattutto al freddo, è dovuta alla recessione gengivale (quando la gengiva si ritira). La gengiva ha un’azione sigillante il colletto del dente e, nel caso venga a mancare questa protezione, si avverte dolore al caldo o al freddo.

Denti sensibili: cosa fare? Chiedi consiglio al dentista.

La visita dal dentista

Una visita dal dentista.

I consigli del dentista

I consigli del dentista.

A. Il dentista con un controllo potrà verificare: se il paziente è affetto da carie o recessione gengivale. In questo caso pianificherà trattamenti specifici. Se la sensibilità dentale è causata da trauma da spazzolamento indicherà al paziente le corrette manovre di igiene orale.

Se la causa dell’eccessiva sensibilità dentale è il digrignamento notturno (bruxismo) consiglierà dei dispositivi, tipo byte, atti a ridurre il rischio di erosione dello smalto.

B. Il dentista potrà consigliare prodotti utili per la sensibilità dentale: collutori, gel e dentifrici specifici, contenenti sostanze in grado di agire con un’azione mineralizzante sulle superfici dentali, grazie alla capacità di sigillare i tubuli dentinali esposti.

Alcuni dentifrici per denti sensibili, si trovano in forma di gel, da spalmare due o tre volte al giorno sulla dentatura, senza sciacquare.

Se con questi rimedi la situazione non migliora il vostro dentista potrà valutare di:

  • Applicare sostanze resinose che fungono da protezione (in caso di assottigliamento dello smalto dentale).
  • Trattare il problema con la chirurgia muco gengivale (in caso di recessione gengivale) in modo da ripristinare il tessuto gengivale andato perduto.
  • Utilizzare il laser con determinate modalità.
2018-10-16T09:26:44+00:0025 giugno 2015|Recessioni gengivali|
Dott Roberto Villa
E’ l’ideatore dell’innovativa tecnica di Implantologia Estetica Immediata OnlyOne®, la quale è stata recentemente pubblicata come “Nuova Tecnica” sull’importantissima rivista americana “The International Journal of Periodontics and Restorative Dentistry”. E' stato relatore a “Departement of Implant Dentistry della “Peking University”. Relazione sul “Carico immediato Post-estrattivo”
INFO E PRENOTAZIONI