Implantologia a carico immediato: domande e risposte

/Implantologia a carico immediato: domande e risposte
Implantologia a carico immediato: domande e risposte2017-12-13T08:05:57+00:00
  • Domande e Risposte

Implantologia a carico immediato

In Implantologia a carico immediato è il termine con cui si intende il posizionamento di una protesi fissa avvitata su impianti dentali in un tempo massimo di 24-48 ore dal loro inserimento.

In pratica significa che hai la possibilità di avere nuovi denti fissi dopo 24/48 ore dal momento in cui il chirurgo implantologo ti ha inserito nell’osso mascellare o mandibolare gli impianti dentali. Una riabilitazione estetica e funzionale praticamente immediata.

Dopo l’inserimento degli impianti non dovrò rimanere senza denti e ricorrere ad una protesi mobile in attesa della cosiddetta osteointegrazione?

In effetti è proprio così! La moderna implantologia ha dimostrato che gli impianti dentali possono andare incontro ad osteointegrazione anche se non vengono sommersi e se viene avvitata sugli stessi una protesi dopo pochi giorni dal loro inserimento.

Le percentuali di successo degli impianti dentali inseriti secondo questa tecnica, sono perfettamente sovrapponibili, secondo la letteratura scientifica internazionale, a quelle eseguite con il tradizionale sistema di carico non immediato (carico differito) che prevede un periodo di tempo che va dai 3 ai 6 mesi prima di avvitare le corone sugli impianti.

Perché allora vi è qualche dentista che è convinto che è meglio aspettare 3/6 mesi prima di avvitare i nuovi denti sugli impianti inseriti ?

La motivazione più importante sostenuta dai dentisti che ancora sono contrari al carico immediato è che l‘osteointegrazione degli impianti possa essere compromessa dal carico masticatorio nei primi 3-6 mesi dal loro posizionamento.

In realtà, la cosa più importante è che gli impianti dentali inseriti abbiano una buona stabilità iniziale (primaria) nell’osso. Se così avverrà, non vi sarà differenza alcuna tra carico immediato e carico differito.

Vi sono delle condizioni in cui non si può utilizzare la tecnica di implantologia a carico immediato?

La situazione più comune nella quale non si può procedere al carico immediato è una scarsa qualità dell’osso (tipo in un paziente con grave osteoporosi). L’osteoporosi non è una controindicazione all’Implantologia dentale, ma può molte volte rivelarsi difficile procedere al carico immediato proprio perché non si può ottenere una buona stabilità primaria degli impianti.

Ti vogliamo infine ricordare che una parodontite (piorrea) in atto non è una patologia che impedisca di intervenire con l’implantologia a carico immediato.
E’ stato dimostrato da due studi del Dr. Roberto Villa pubblicati nel 2005 e nel 2007 su riviste specializzate internazionali.

INFO E PRENOTAZIONI