Perché le gengive sanguinano

//Perché le gengive sanguinano

In questo articolo troverai tutte le informazioni che cercavi sulle gengive sanguinanti e suoi i suoi rimedi.

Quando mi lavo i denti le gengive sanguinano, come mai?
Attenzione questo può essere un segnale di allarme. Impariamo a leggere e a non sottovalutare i messaggi che il nostro corpo ci manda.
Sicuramente c’è qualcosa che non va.

Nella nostra bocca ci sono molti batteri in grado di distruggere i denti e i tessuti che li sostengono.
Questi batteri si depositano lungo il dente e nel solco gengivale e se non vengono rimossi con la pulizia orale quotidiana (con spazzolino normale o elettrico, filo interdentale, scovolino ecc..), si moltiplicano.

Possono diventare più aggressivi e nocivi, aggredire i tessuti parodontali e distruggerli.
 La prima ad infiammarsi sarà la gengiva. La gengiva infiammata comincerà a sanguinare.

Da cos’è composto il parodonto?

Il parodonto, o tessuto parodontale, è costituito da:

  • osso alveolare

  • legamento parodontale
  • cemento radicolare (tessuto che ricopre la radice del dente)

  • gengiva

Ovvero dai tessuti che si trovano attorno al dente e hanno molteplici funzioni. Le due principali sono:

  • mantenere attaccato il dente al tessuto osseo
  • conservare l’integrità dei tessuti coinvolti nella masticazione

L’infiammazione gengivale (gengivite), spesso asintomatica, è provocata dalla placca batterica. La gengivite si manifesta clinicamente con un sanguinamento delle gengive allo spazzolamento. Ed è lo stadio iniziale della malattia parodontale (parodontite).

La placca batterica e’ un deposito molto complesso di batteri uniti tra loro da una matrice organica che aderisce in maniera salda ai denti. Può accadere che porzioni di placca batterica, con l’azione della saliva, si calcifichino (si forma il tartaro).

Per la rimozione del tartaro non bastano gli spazzolini e scovolini domiciliari, ma è necessario l’intervento dell’ Igienista Dentale.

Con il passare del tempo, se la placca batterica e il tartaro non vengono rimossi, possono coinvolgere strati più profondi del dente. La placca è ricca di batteri capaci di liberare sostanze tossiche in grado di creare gravi danni al parodonto, con la conseguente formazione di tasche.
 Il dente, perciò, perde sostegno e può andare incontro a mobilità.

gengive sanguinanti rimedi

Gengive sanguinanti e evoluzione della malattia

La formazione delle tasche è accompagnata da un altro processo molto dannoso. La guerra tra batteri e anticorpi, che il nostro sistema immunitario ha attivato, può provocare la distruzione dell’osso. 
Questo è un danno molto serio per i nostri denti.

E’ come se si togliesse la terra attorno ad uno splendido albero. Le radici, non avendo più sostegno, cedono e l’albero cade!!!

Gengive sanguinanti rimedi e prevenzione

Dato che la causa principale della malattia è la placca batterica , essa dovrà essere rimossa ogni giorno. L’igiene orale va svolta regolarmente con appropriati strumenti adatti all’anatomia della propria bocca.

Apriamo una parentesi su questo argomento: molto importante!!!

Bisogna valutare se i nostri denti sono:
• allineati oppure accavallati
• se rivolti verso l’interno oppure verso l’esterno
• se il tessuto gengivale è sottile, spesso oppure misto
• se ci sono restauri protesici

In commercio esistono vari tipi di spazzolini , fili interdentali, misure di scovolini, forme di monociuffi …. e una visita dall’Igienista Dentale può essere utile perché saprà consigliarvi l’acquisto degli strumenti più adatti al vostro caso.

Per mantenere un’igiene corretta sono necessari diversi minuti di spazzolamento (minimo 3) e lo spazzolino va usato nel modo idoneo con “tecnica roll” (dalla gengiva verso il dente).

Uno spazzolamento scorretto, eseguito in modo non appropriato, può provocare recessione gengivale. Recessioni gengivali (quando la gengiva si abbassa) di dimensioni notevoli, possono essere corrette solo con interventi chirurgici specifici.

Importante, quindi, che lo spazzolamento venga eseguito correttamente.

Non dimentichiamo che:

Le malattie dei denti e delle gengive sono di origine batterica.
Ciò significa che nei denti e nelle gengive si trovano batteri che possono essere responsabili di infezioni.
Di conseguenza i seni paranasali  possono essere colpiti da malattie che partono dai denti (sinusiti).

I  batteri possono essere trascinati nel circolo sanguigno. Per esempio una parodontite grave non curata potrebbe rischiare di aggravare endocarditi batteriche e miocarditi con conseguenti cardiopatie valvolari e difetti di conduzione elettrica cardiaca.
Non vi vogliamo spaventare, ma sono cose che è meglio sapere…. Quindi:

Occhio alle gengive che sanguinano!

E’ interessante leggere, riguardo l’argomento, l’esperienza di una nostra paziente.
Se lo desiderate, cliccate su: una storia da raccontare

2018-11-08T10:24:27+00:0026 ottobre 2011|Piorrea / parodontite|0 Commenti
Dott Gabriele Villa
Laureato presso l’Università degli Studi di Milano nell’anno 2010. Ha conseguito un “Post Graduate Program” alla New York University con una tesi sull’aumento dei tessuti molli intorno agli impianti. “Current Concepts in American Dentistry: Advances in Implantology and Oral Rehabilitation” 2018.

Scrivi un commento

INFO E PRENOTAZIONI