Implantologia a carico immediato post-estrattivo: denti anteriori

//Implantologia a carico immediato post-estrattivo: denti anteriori
Caso clinico 64

Denti anteriori.

La paziente di circa 60 anni era stata inviata da un collega odontoiatra di Biella che da anni collabora con la nostra Clinica. La Signora necessitava di una riabilitazione con impianti dentali nella zona dei denti anteriori superiori (gli incisivi centrali, i laterali ed i canini). Il Dr. Roberto Villa si sarebbe occupato della chirurgia inerente l’inserimento degli impianti dentali a carico immediato post-estrattivo mentre il collega avrebbe provveduto alla riabilitazione protesica

Vecchio ponte con monconi infiltrati. Analisi del caso.

La paziente aveva un vecchio ponte sul gruppo frontale dell’arcata superiore (da canino a canino) con i relativi 3 monconi, a supporto del ponte, affetti da profonde lesioni cariose (carie) e quindi irrecuperabili.
A complicare il quadro clinico erano presenti delle recessioni gengivali (retrazioni della gengiva) in corrispondenza delle vecchie corone in metallo ceramica, per cui sul margine superiore delle stesse si notava l’antiestetica presenza di un orletto scuro.
Si rivelava infine una condizione di morso profondo, cioè gli incisivi superiori della paziente coprivano eccessivamente gli incisivi inferiori; questo rappresentava un ulteriore problema che rendeva, per motivi tecnici, più difficile la riabilitazione implanto-protesica.

Vecchie corone sui denti anteriori superiori: la situazione iniziale.

Poco osso, piorrea e morso profondo: la situazione iniziale.

La panoramica iniziale

La panoramica iniziale: vecchie corone sui denti anteriori superiori.

Analizzando il caso clinico si è comunque immediatamente valutato che il sorriso gengivale alto (gummy smile) della paziente avrebbe costituito la parte più critica della riabilitazione, in quanto un eventuale errore chirurgico nel posizionamento degli impianti dentali avrebbe irrimediabilmente compromesso l’estetica del suo sorriso.

Carico immediato post-estrattivo. Le fasi dell’intervento.

Alla paziente, in sedazione cosciente, sono stati estratti i denti anteriori superiori, da canino a canino, ed immediatamente inseriti, secondo il protocollo di carico immediato post-estrattivo, 3 impianti dentali NobelActive. Gli alveoli post-estrattivi sono stati riempiti con del biomateriale (Bio-Oss) al fine di preservare la morfologia osseo-gengivale preesistente e quindi ottenere un’emergenza “naturale” dei denti dalla gengiva.

La panoramica con gli impianti inseriti

La panoramica con gli impianti dentali inseriti.

Chirurgia mini-invasiva.

L’intervento è stato eseguito, come sempre nella nostra Clinica, con un protocollo di chirurgia mini-invasiva (flapless) al fine di ridurre al minimo le complicanze post-operatorie (quali edema, dolore, sanguinamento) ed evitare antiestetiche contrazioni post-chirurgiche dei tessuti.

Riabilitazione protesica

Il provvisorio dopo una settimana all’intervento.

Il provvisorio dopo una settimana all’intervento.

Il provvisorio con 6 corone, direttamente avvitato sui 3 impianti dentali, è stato consegnato alla paziente nel giro di 24 ore dal nostro collega odontoiatra.

La paziente, a 6 mesi dall’intervento, è stata riabilitata con una protesi definitiva in zirconio-ceramica.

Le protesi con cui vengono riabilitati tutti i pazienti da noi trattati, sia per quanto riguarda la fase provvisoria (protesi a 24 ore dall’intervento) sia per quella definitiva (protesi dopo 6-8 mesi dall’intervento), sono sempre avvitate e mai cementate (a parte nel caso di un dente singolo). Questo è indubbiamente un’enorme vantaggio per il paziente in quanto, per qualsiasi evenienza (tipo frattura elementi dentali, controlli sugli impianti ecc.), le protesi possono essere rimosse dal dentista semplicemente svitandole con speciali cacciaviti.

Conclusioni.

Seguendo il protocollo di chirurgia implantare post-estrattiva a carico immediato, che abbiamo negli anni perfezionato nella nostra Clinica, la paziente è stata riabilitata con un solo intervento.

Questa tecnica di carico immecdiato post-estrattivo che prevede la fuoriuscita dei denti dalle gengive naturali con la protesi definitiva sempre avvitata sugli impianti, è stata ideata dal Dr. Roberto Villa e chiamata OnlyOne®.

Inoltre l’emergenza dei denti dalle gengive è avvenuta secondo una linea estetica ottimale. La paziente, richiamata per un controllo dopo 3 anni dall’intervento, ha mostrato una perfetta morfologia gengivale intorno alla riabilitazione implantare.

Inoltre le recessioni gengivali presenti prima del posizionamento degli impianti dentali sono scomparse del tutto ed in maniera spontanea.

Vecchie corone sui denti anteriori superiori: la situazione iniziale.

La situazione iniziale.

La riabilitazione finale a 1 anno dall’intervento.

La riabilitazione finale a 1 anno dall’intervento.

La riabilitazione finale a 1 anno dall’intervento.

La riabilitazione finale a 3 anni dall’intervento.

INFO E PRENOTAZIONI