Implantologia in paziente con parodontite e carie.

//Implantologia in paziente con parodontite e carie.
Caso clinico 91

Implantologia in paziente con parodontite su entrambe le arcate

La paziente cinquantenne che veniva da Milano si è presentata per una visita nella nostra Clinica con dei problemi di parodontite (piorrea) su entrambe le arcate. Desiderava una riabilitazione di Implantologia dentale. Sull’arcata superiore portava da circa 25 anni un vecchio ponte, ormai usurato, con 10 elementi dentali, con i relativi monconi completamente distrutti dalla carie e perciò irrecuperabili.

Implantologia e poco osso residuo: analisi del caso.

La panoramica effettuata alla paziente aveva evidenziato dei seni mascellari molto espansi che si estendevano fino ad arrivare nella zona dei canini. Il canino a destra, in particolare, sembrava addirittura entrare in comunicazione con il seno mascellare.

Inoltre, a causa sia della parodontite (piorrea), che della presenza dei monconi radicolari residui, la quantità di osso a disposizione per l’inserimento degli impianti, ad esclusione dell’area degli incisivi centrali, era davvero molto limitata (osso residuo scarso).
Alla paziente era stata prospettata da altri colleghi una riabilitazione con denti che fuoriuscivano da una gengiva artificiale (tecnica All on 4 ), ma lei aveva espresso la volontà di non ricorrere alla gengiva artificiale, ma preferiva un intervento che rispettasse la naturale emergenza dei denti dalla sua gengiva.

La sua richiesta perciò era stata questa:

  • Risultato estetico eccellente con la fuoriuscita dei denti dalla una gengiva naturale.
  • Ripristino della funzionalità masticatoria

Impianti dentali angolati: descrizione dell’intervento di implantologia.

Alla paziente, in sedazione cosciente, sono stati estratti tutti i denti residui e posizionati 4 impianti dentali direttamente negli alveoli post-estrattivi (ossia nelle cavità rimaste dopo l’estrazione dei denti) degli incisivi centrali e dei canini. Per evitare il riassorbimento della porzione esterna dell’alveolo è stato utilizzato del biomateriale. Il fine è quello di preservare la corretta morfologia ossea e di conseguenza la preesistente architettura gengivale.

E’ stato angolato ogni singolo impianto in modo da sfruttare massimamente il poco osso residuo, anche nelle aree del palato. Il tutto è stato eseguito utilizzando una chirurgia mini-invasiva al fine di preservare al massimo l’integrità dei tessuti.

Implantologia panoramica

La panoramica iniziale.

Implantologia

La situazione iniziale.

Secondo il protocollo del carico immediato è stata consegnata nel giro di 24 ore una protesi provvisoria che andava fino ai premolari. La paziente perciò è stata subito riabilitata dal punto di vista estetico in maniera ottimale.

Si è successivamente attesa (per circa 6 mesi) la guarigione dell’alveolo post-estrattivo del primo premolare sinistro. Durante questo tempo la cavità occupata dal dente estratto si è lentamente colmata di osso generato dallo stesso coagulo sanguigno. La paziente è stata quindi richiamata ed è stato inserito un ulteriore impianto dentale e caricato immediatamente. Con questa procedura si è evitato un intervento di innalzamento del seno mascellare.

Implantologia con chirurgia mini-invasiva: evitata la tecnica All-on-4®.

In questo caso è stato eseguito un intervento di mini-invasivo che ha saputo sfruttare al massimo, tramite l’inserimento di impianti inclinati, il poco osso residuo a disposizione.

Implantologia panoramica

La panoramica dopo l’inserimento degli impianti dentali.

Si è evitato in questo modo il protocollo All on 4 , si è evitato un rialzo del seno mascellare e, grazie alla chirurgia mini-invasiva, si è ottenuto un risultato estetico di eccellenza con il minor costo biologico per la paziente.

I denti della paziente, come lei aveva espressamente richiesto, fuoriuscivano dalla gengiva naturale.

Questa tecnica di carico immediato post-estrattivo che prevede la fuoriuscita dei denti dalle gengive naturali con la protesi definitiva sempre avvitata sugli impianti è stata ideata dal Dr. Roberto Villa e chiamata OnlyOne®.

Nelle foto sotto la situazione iniziale e la riabilitazione a distanza di 2 anni. Si può notare la perfetta guarigione dei tessuti gengivali.

Nelle ultime foto infine il sorriso della paziente prima e dopo l’intervento di Implantologia.

Implantologia

Parodontite e carie. La situazione iniziale

Implantologia provvisorio

Riabilitazione definitiva dopo 2 anni dall’inserimento degli impianti dentali con protocollo OnlyOne®.

Se desiderate leggere atri casi simili dove il paziente ha scelto una riabilitazione estetica su gengiva naturale ed ha scartato l’opzione “All on 4 ” potete cliccare su :

 carico immediato e piorrea: OnlyOne®.

Implantologia estetica su gengiva naturale (protocollo OnlyOne®).

2018-06-29T08:12:15+00:0022 novembre 2012|Implantologia con Poco Osso|
INFO E PRENOTAZIONI