Parodontite trattamento con il laser

//Parodontite trattamento con il laser

L’utilizzo del laser associato alla terapia causale con sistemi di ingrandimento ha sicuramente rivoluzionato la cura per la parodontite.

Laser nella parodontite

L’utilizzo del laser associato alla terapia causale con sistemi di ingrandimento ha sicuramente rivoluzionato la parodontologia.

Vorremmo sottolineare che non tutti i laser sono efficaci nel trattamento delle tasche parodontali, anzi alcuni si sono dimostrati addirittura dannosi.

Il laser che utilizziamo nella nostra Clinica è un tipo di laser a diodi dedicato specificamente alla parodontologia che associa terapia fotodinamica e biostimolazione in modo da ottenere una completa pulizia della tasca. Questo tipo di strumento permette di ottenere risultati davvero unici nel trattamento della parodontite.

L’utilizzo del laser, con l’ausilio di sistemi di ingrandimento, associato alla terapia causale (sondaggi parodontali, scaling e root planing)  permette così di rimuovere la placca ed il tartaro sottogengivale in modo più completo.

I vantaggi sono i seguenti:

  • recessioni gengivali ridotte al minimo
  • trattamenti endodontici limitati
  • sensibilità dentale drasticamente ridotta
  • completa decontaminazione delle tasche parodontali
  • dolore e sanguinamento gengivale eliminati
  • facile trattamento delle rare recidive
  • efficace nella parodontite aggressiva giovanile

Il nostro protocollo terapeutico, non invasivo, alla malattia parodontale (parodontite), permette, tramite i test microbiologico e genetico, di diagnosticare, monitorare e controllare l’andamento batterico della malattia. Attraverso una ricostruzione computer-guidata, ci consente inoltre di ottenere un quadro clinico più approfondito.

La terapia causale tradizionale (senza laser) associata alla chirurgia parodontale per quanto porti a dei buoni risultati, ha comunque numerosi svantaggi:

  • recessioni gengivali
  • trattamenti endodontici e protesici correlati (cure canalari, ponti, ecc.)
  • danni estetici (denti lunghi)
  • sensibilità dentale
  • necessità di anestesia
  • dolori post-chirurgici
  • modesta efficacia nella parodontite aggressiva giovanile

Per queste ragioni nella nostra Clinica si preferisce adottare una terapia laser-associata.

Gli interventi di chirurgia parodontale vengono così percentualmente ridotti del 95%.

Nei casi in cui sia indicata una chirurgia parodontale resettiva, ci avalliamo dell’utilizzo del Piezosurgery che, rispetto alle frese tradizionali, garantisce un miglior decorso post-operatorio. Nei casi in cui sia indicata la chirurgia parodontale rigenerativa, la nostra Clinica opta sempre per i protocolli mini-invasivi più attuali ed i biomateriali più avanzati.

Parodontite. Terapia causale senza laser

Per un paziente affetto da parodontite cronica risulta assolutamente inutile sottoporsi saltuariamente ad una semplice detartrasi. E’ essenziale che il paziente stesso venga motivato ad una corretta e puntuale igiene orale sia domiciliare che professionale e che si sottoponga ad un  piano di trattamento parodontale articolato che preveda:

  • PSR (Periodontal Screening and Recording)
  • Compilazione della cartella parodontale
  • Test microbiologico e Test genetico
  • Ricostruzioni tridimensionali 3D /Status radiografico
  • Istruzioni di igiene orale
  • Detartrasi iniziale
  • Charting (sondaggio parodontale)
  • Scaling e Root Planing (SRP), ovvero pulizia profonda delle radici.
  • SRP+ Laser Sistemi di ingrandimento
  • Charting di rivalutazione
  • Mantenimento
  • Chirurgia parodontale (meno del 5% dei casi)
2017-12-07T08:34:33+00:00 5 gennaio 2011|Piorrea / parodontite|
INFO E PRENOTAZIONI