Implantologia a carico immediato in paziente con piorrea e carie

//Implantologia a carico immediato in paziente con piorrea e carie

Implantologia a carico immediato con piorrea. Il paziente di 49 anni  era affetto da lungo tempo da parodontite (piorrea) e da carie.

La situazione dei denti residui era irrimediabilmente compromessa. Era stato inviato alla nostra Clinica su consiglio del suo dentista di Novara per un intervento di implantologia a carico immediato.

Implantologia a carico immediato con piorrea. Osso residuo scarso (poco osso): analisi del caso

La priorità assoluta, in questo contesto, era effettuare una riabilitazione estetica e funzionale ottimale. Un corretto posizionamento degli impianti era reso difficoltoso dallo spostamento degli elementi dentari dovuti alla piorrea. Inoltre vi era il problema della quantità di osso residuo, decisamente deficitaria osso residuo scarso (poco osso).

L’importanza della TAC Cone Beam

Attraverso la valutazione della ricostruzione digitale tridimensionale, ottenuta dalla TAC Cone Beam, si è deciso di togliere i denti interessati e posizionare immediatamente gli impianti. Un intervento, cioè, di implantologia a carico immediato post-estrattivo.

Implantologia a carico immediato post-estrattivo: le fasi dell’intervento

Senza praticamente scollare le gengive, onde evitare retrazioni post-chirurgiche e cicatrici che avrebbero inciso sull’estetica finale, sono stati estratti i denti e si sono posizionati contemporaneamente gli impianti dentali. L’osso residuo, tramite il protocollo di tecnica rigenerativa ossea guidata, è stato ricostruito con materiale biocompatibile (osso di origine bovina deproteinizzato). L’intervento è stato eseguito in sicurezza anestesiologica, con il paziente in sedazione cosciente.
(Con una tecnica chirurgica mini-invasiva si è ottenuta una completa riabilitazione sia funzionale, che estetica).

Questa tecnica di carico immediato post-estrattivo che prevede la fuoriuscita dei denti dalle gengive naturali con la protesi  definitiva sempre avvitata sugli impianti è stata ideata dal Dr.Roberto Villa e chiamata OnlyOne®.

Parodontite avanzata: analisi del caso

E’ stata fatta al paziente una panoramica ed una TAC Cone Beam. Tramite un software dedicato, quest’ultima è stata elaborata in una visualizzazione tridimensionale che ci ha permesso di individuare le zone più favorevoli di osso dove posizionare gli impianti dentali. E’ parsa evidente nelle zone posteriori dell’arcata superiore una quantità di osso molto limitata poco osso; una situazione questa che avrebbe implicato un intervento di rialzo di entrambi i seni mascellari. Il paziente però aveva richiesto un protocollo di chirurgia mini-invasiva e si era opposto alla soluzione con innalzamento dei seni mascellari.

L’importanza della pianificazione

E’ stata allora pianificata, in accordo con l’odontotecnico, una proposta di riabilitazione con gli impianti dentali facendo vedere al paziente, tramite una simulazione su modelli di gesso, come sarebbe stato il risultato finale. Risultato finale che avrebbe previsto, escludendo su richiesta del paziente l’intervento di rialzo dei seni mascellari, una riabilitazione superiore con soli 10 denti. Il paziente si era dimostrato ugualmente soddisfatto e ci aveva autorizzato a procedere al più presto con un unico intervento di implantologia su entrambe le arcate.

Le fasi dell’intervento

Al paziente, in sedazione cosciente sono stati rimossi tutti i denti oramai irrecuperabili dell’arcata superiore e posizionati direttamente negli alveoli post-estrattivi (le cavità rimaste dopo la rimozione dei denti) 4 impianti dentali. Al fine di evitare il riassorbimento della porzione esterna dell’alveolo è stato utilizzato del biomateriale.

Nella stessa seduta chirurgica ci si è dedicati all’arcata inferiore dove sono stati rimossi tutti i denti ed inseriti 4 impianti dentali direttamente negli alveoli post-estrattivi. E’ stato utilizzato, come sull’arcata superiore, del biomateriale.

Sugli impianti dentali, nel giro di 36 ore, è stata avvitata una protesi provvisoria fissa su entrambe le arcate con l’emergenza dei denti dalle gengive naturali. L’alterato rapporto occlusale è stato corretto immediatamente ed il paziente ne ha potuto trarre un immediato beneficio estetico e funzionale.

Implantologia a carico immediato con piorrea prima

Implantologia a carico immediato con piorrea: la situazione iniziale

Implantologia a carico immediato con piorrea parodontite

Implantologia a carico immediato con piorrea. Il provvisorio dopo 24 ore

2018-03-13T15:23:57+00:0021 settembre 2011|Implantologia con Poco Osso|
Dr. Roberto Villa
E’ l’ideatore dell’innovativa tecnica di Implantologia Estetica Immediata OnlyOne®. Ha pubblicato su riviste internazionali diversi articoli riguardanti protocolli chirurgici innovativi.
INFO E PRENOTAZIONI