Implantologia a carico immediato senza innesto osseo.

//Implantologia a carico immediato senza innesto osseo.

Implantologia. Si è presentato nella nostra Clinica un paziente quarantenne che aveva da circa 20 anni un ponte definitivo su denti naturali sull’arcata superiore. Era stato inviato da un odontoiatra di Como.
Il ponte si era decementato più volte ed il paziente si era deciso a richiedere una riabilitazione con impianti perché il dentista che lo aveva in cura si era reso conto ormai che i monconi dentali che supportavano il ponte non erano più recuperabili.

Implantologia prima

Implantologia. La situazione iniziale.

Implantologia iniziale opt

Implantologia. La panoramica iniziale.

Implantologia con poco osso (osso residuo scarso): analisi del caso.

Si è constatato ad una prima visita che i vecchi denti (monconi) su cui era ancorato il ponte erano irrecuperabili e quindi si sarebbe dovuto procedere alla loro estrazione.
La zona in cui posizionare gli impianti presentava una quantità di osso residuo molto ridotta (poco osso), in quanto i seni mascellari erano molto espansi (molto ampi). Il primo intervento ipotizzato è stato quello di fare un rialzo del seno mascellare con innesto osseo, sia nella parte sinistra, che destra.

Osso residuo scarso (poco osso)

Analizzando però più attentamente la situazione, abbiamo intravisto la possibilità, una volta rimossi i denti nella zona dei premolari, di inserire degli impianti direttamente negli alveoli post-estrattivi (cioè nelle cavità rimaste dopo l’estrazione dei denti).

Evitare gli interventi invasivi

Questa soluzione era in linea con la nostra filosofia di evitare, per quanto possibile, interventi invasivi quali possono essere gli innalzamenti di seno mascellare o gli innesti ossei.
Tramite una TAC Cone Beam effettuata al paziente si è valutata “sufficiente” la quantità di osso residuo in cui erano alloggiati i monconi dentali per posizionare e supportare gli impianti.

Si è deciso pertanto di abbandonare il progetto dell’innesto osseo e di sfruttare al massimo l’osso residuo degli alveoli post-estrattivi.

Il concetto biologico di questa scelta

La natura , dopo l’estrazione di un dente, tende a rimarginare ed a colmare tramite il coagulo sanguigno lo spazio occupato precedentemente dal dente. Quando si estrae un dente e si inserisce un impianto viene a crearsi uno spazio tra l’impianto e l’osso circostante. Questo spazio si riempie di coagulo. Ed esso, dopo un po’ di tempo, si trasforma in osso. Quest’osso si lega all’impianto e ne diventa un ulteriore supporto. E’ questo il principio che sta alla base del grande successo degli impianti post-estrattivi.

Carico immediato: le fasi dell’intervento.

Implantologia impianti inseriti

Implantologia. La panoramica finale con gli impianti dentali inseriti.

Al paziente, in sedazione cosciente, sono stati estratti i denti residui e direttamente negli alveoli post-estrattivi del mascellare superiore sono stati inseriti 6 impianti. Gli spazi tra gli impianti e le cavità rimaste dopo l’estrazione dei denti (alveoli post-estrattivi), sarebbero presto stati colmati di osso generato dallo stesso coagulo sanguigno.

Si è proceduto con la tecnica della chirurgia mini-invasiva ed anche il costo biologico per il paziente è stato minimo.

I benefici per il paziente trattato con questa tecnica sono stati molteplici:

  • Minima invasività chirurgica;
  • Tempi di guarigione ridotti;
  • Ottimale guarigione dei tessuti gengivali;
  • Assenza o ridotta sintomatologia dolorosa post-operatoria;
  • Riduzione dei rischi chirurgici

Implantologia a carico immediato: conclusioni.

I vantaggi per il paziente, trattato e riabilitato con questo tipo di intervento, sono stati:

  1. Evitare un rialzo bilaterale del seno mascellare con  innesto osseo.
  2. Potere accedere ad un carico immediato, cioè in una riabilitazione provvisoria (protesi avvitata sugli impianti dentali) nel giro di 24 ore (cosa impossibile con un innesto osseo).
  3. Usufruire di una chirurgia mini-invasiva garante del risultato estetico, in quanto non sono state fatte incisioni chirurgiche.
Implantologia finale con impianti dentali

Implantologia. La riabilitazione finale del paziente con impianti dentali.

Vi invitiamo a leggere, se lo desiderate, il caso di un altro paziente giovane riabilitato con un carico immediato. Ha evitato anche lui un intervento invasivo di innesto osseo. Potete cliccare su : Carico immediato senza innesto osseo in paziente con poco osso residuo

2017-12-19T17:06:37+00:003 aprile 2012|Implantologia con Poco Osso|
Dr. Roberto Villa
E’ l’ideatore dell’innovativa tecnica di Implantologia Estetica Immediata OnlyOne®. Ha pubblicato su riviste internazionali diversi articoli riguardanti protocolli chirurgici innovativi.
INFO E PRENOTAZIONI