fbpx

Parodontite: sintomi, rimedi e cura

Questo tipo di patologia arriva a colpire il 52% dei soggetti con un’età compresa tra i 50 e 75 anni più frequente negli uomini rispetto alle donne. 

Quasi 1 adulto su 2 è suscettibile a sviluppare questa malattia.

E’ stata fatta una nuova classificazione a Chicago nel 2017 molto utile al parodontologo per diagnosticare e curare questo tipo di malattia ma allo stesso tempo molto complessa per il paziente.

Noi vi spiegheremo la classificazione parodontale basandoci sulla vecchia del ’99 molto più semplice ed intuibile.

  • Parodontite iniziale moderata. Sondaggio gengivale inferiore a 5 mm

  • Parodontite avanzata o parodontite grave. Sondaggio gengivale superiore a 5 mm

Che cos’è

La parodontite è una malattia che danneggia tutte le strutture che circondano il dente e lo aiutano a mantenersi saldo intorno all’osso.

I sintomi iniziali possono partire da una semplice gengivite che, se non curata, può portare alla perdita del dente stesso.

Le strutture che circondano il dente sono:

  • la gengiva

  • l’osso alveolare

  • il legamento parodontale

  • il cemento radicolare che ricopre la radice del dente

Colpisce individui in età adulta e avanzata, ma a volte si può manifestare anche nel periodo dell’adolescenza e addirittura dell’infanzia.

parodontite placca batterica1 48db4fe7 - Parodontite: sintomi, rimedi e cura

Cause: quali sono?

La parodontite è una malattia infiammatoria provocata dalla placca batterica che si deposita sulla superficie del dente.

E’ dimostrato che, in presenza di altri fattori favorenti quali il fumo e la familiarità, questa malattia può peggiorare.

Per sapere quali rischi può causare il fumo leggi questo articolo: parodontite e fumo

E’ stato ampiamente dimostrato che, in associazione alla placca batterica, la presenza di altri  fattori, quali il fumo, e la familiarità, aumentano il rischio di progressione della malattia. Si registra inoltre una maggiore suscettibilità alla patologia per pazienti affetti da diabete, sindrome di Down, artrite reumatoide, pazienti HIV positivi o che fanno uso di farmaci come steroidi, ciclosporine e calcioantagonisti.

Per approfondimento diabete leggi questo articolo: parodontite e diabete

Sintomi

I segnali posso essere molteplici:

  • infiammazione gengivale

  • sanguinamento gengivale sia quando si spazzolano i denti sia spontaneo

  • indolenzimento delle gengive

  • sensibilità al dente al freddo e al caldo

  • alitosi

  • aumento degli spazi tra un dente e l’altro

I sintomi raramente provocano dolore, se non nei casi di parodontite già avanzata, parodontite grave.

E’ consigliabile, se si dovesse presentare anche uno solo di questi sintomi, richiedere immediatamente un controllo dal vostro odontoiatra. Lo scopo è quello di prevenire il momento in cui si verifichino sintomi più gravi come la perdita di attacco che causa la mobilità dei denti.

Evoluzione della malattia

Se la placca batterica non viene rimossa con le normali manovre d’igiene dentale, in paziente predisposti alla malattia parodontale, si può formare una lieve infiammazione gengivale che, se non bloccata, può progredire fino ad intaccare i tessuti sottostanti alla gengiva.

Il rischio è una perdita di supporto del dente con la formazione di tasche, cavità patologiche tra gengiva e dente, che se non trattate, possono provocare il riassorbimento dell’osso.

Il dente inizierà a muoversi fine ad arrivare alla sua caduta, molte volte spontaneamente.

gengive sanguinanti evoluzione malattia cce9f42d - Parodontite: sintomi, rimedi e cura

La parodontite è contagiosa?

L’argomento è da sempre controverso. Per noi la risposta è si.

I batteri possono facilmente passare da un individuo all’altro tramite la saliva, ad esempio con un bacio tra partner o in famiglia.

Gli studi sull’argomento però sono molto limitati.
Vi mettiamo a disposizione uno studio citato nella biblioteca online della letteratura scientifica internazionale.

E’ ereditaria?

Una predisposizione genetica, familiarità, può causare la malattia.  Se in famiglia qualcuno ha sofferto di parodontite le probabilità che tu vada incontro ad un identico problema sono molto alte, soprattutto se sei una donna.

Ragione per cui è importante che tu ti convinca a curare ancora di più la igiene orale domiciliare.

La parodontite è da considerarsi senza dubbio una malattia infettiva in grado di trasmettere batteri patogeni.

Si può contrarre la malattia soprattutto se saranno presenti fattori di rischio o predisponenti.

Fattori di rischio o predisponenti come:

  • irregolarità dei denti e malocclusioni. Questi pazienti avranno più difficoltà a spazzolare perfettamente i denti in ogni punto

  • malattie metaboliche come il diabete

  • il fumo o il consumo eccessivo di alcol

Come evitare il contagio

  • usare in modo costante lo spazzolino, meglio se elettrico

  • utilizzare il giusto strumento interdentale: filo o scovolino

  • abbandonare le abitudini dannose, come ad esempio il fumo

La parodontite può causare danni al cuore? Leggi questo articolo di approfondimento.

Diagnosi

Può essere eseguito un test microbiologico e un’analisi genetica per individuare il tipo e la percentuale batterica presente. Questo test potrà essere ripetuto al termine del trattamento.

Viene fatto status radiografico che consiste nell’eseguire delle radiografie endorali per ogni singolo dente. Questo ci permette di individuare il reale livello di osso residuo.

Se necessita si provvederà a una scansione e una elaborazione della TAC Cone Beam tramite un software dedicato.

Tramite un apposita sonda graduata viene eseguito un sondaggio parodontale in cui si valuta il livello di attacco della gengiva e dell’osso all’elemento dentale su ogni singolo dente.

parodontite sanguinamento ea988616 - Parodontite: sintomi, rimedi e cura
parodontite sondaggio f5d4a515 - Parodontite: sintomi, rimedi e cura

Vengono date le istruzioni di igiene orale al paziente sull’uso di spazzolini, filo interdentale etc, in base alla sua morfologia dentale e gengivale.

Cura: come?

Due sono i rimedi per curare la malattia parodontale:

Terapia parodontale non chirurgica

  • Viene eseguita un igiene professionale su tutti i denti e una levigatura radicolare dei soli denti che presentano delle tasche al sondaggio.

  • Lo scopo è di rimuovere il tartaro e la placca batterica che si è depositata sulle superfici delle radici.

  • Alla terapia tradizionale si può associare una terapia laser che consente di decontaminare e di detossificare le superfici radicolari in modo molto più accurato.

A questo proposito è importante ricordare che la rimozione del tartaro non è possibile con lo spazzolino e l’igiene orale domiciliare, ma è necessario l’intervento professionale dell’igienista dentale. Saranno necessarie più sedute e sarà indispensabile la collaborazione da parte del paziente che si dovrà impegnare a garantire un’accurata igiene orale domiciliare. Solo così si potrà ottenere il risultato voluto.

Parodontite e laser

L’utilizzo di laser associato alla terapia classica ha sicuramente migliorato il trattamento della parodontite.
Un’ importante premessa è che non tutti i laser sono efficaci nel trattamento delle tasche parodontali. Bisogna inoltre chiarire che non si hanno  in letteratura dati a lungo termine termine riguardo a questo tipo di terapia.

Il laser che utilizziamo nella nostra Clinica è un tipo di laser a diodi, dedicato specificamente alla parodontologia, che associa terapia fotodinamica e biostimolazione in modo da ottenere una completa pulizia della tasca.

La terapia tradizionale (scaling e root planing) viene associata all’utilizzo del laser, tutto tramite sistemi di ingrandimento, permettendo di rimuovere placca e tartaro sottogengivale in modo più completo.

Tramite questo protocollo terapeutico non invasivo gli interventi di chirurgia parodontale vengono drasticamente ridotti e trovano indicazione in una percentuale  di casi minore del 5%.

I vantaggi sono i seguenti:

  • recessioni gengivali ridotte al minimo

  • trattamenti endodontici diminuiti di numero

  • sensibilità dentale drasticamente ridotta

  • assenza di anestesia
  • decontaminazione più valida delle tasche parodontali
  • dolore e sanguinamento gengivale eliminati

  • facile trattamento delle recidive
  • efficacia nella parodontite aggressiva giovanile

Terapia parodontale chirurgica

La terapia chirurgica verrà eseguita in caso di difetti ossei importanti e dove la terapia non chirurgica non ottiene i risultati desiderati.

Parodontite intervento chirurgico

Abbiamo diverse forme di chirurgia parodontale:

  • chirurgia resettiva consente di eliminare le tasche parodontali modificando i difetti ossei, permettendo quindi al paziente un migliore controllo dell’igiene domiciliare

  • chirurgia rigenerativa serve a ridurre la profondità di sondaggio delle tasche parodontali utilizzando, dove necessita, l’utilizzo di biomateriali e membrane come riempimento con lo scopo di ricreare l’attacco perso del dente.

La parodontite si può fermare?

Terapia di mantenimento e controlli periodici

La terapia e i controlli vengono stabiliti in base alla gravità della malattia parodontale e alla collaborazione del paziente nel mantenere un’adeguata igiene orale domiciliare.

Prevenzione

La prevenzione consiste:

  • controlli periodici dal dentista. Se si tratta di una donna in gravidanza oppure un paziente con problemi di salute consigliamo controlli più ravvicinati

  • igiene domiciliare scrupolosa non solo con lo spazzolino ma anche con filo interdentale, scovolino in base agli spazi interdentali

  • non fumare

parodontite spazzolino 71b6c306 - Parodontite: sintomi, rimedi e cura
parodontite scovolini 22d67cd5 - Parodontite: sintomi, rimedi e cura

TEST DI AUTOVALUTAZIONE

  • Quando passi lo spazzolino le tue gengive tendono a sanguinare?

  • I tuoi denti sono diventati più sensibili?

  • Vedi le tue gengive arrossate, gonfie e ti fanno male?

  • Ti sei accorto che alcuni dei tuoi denti sono diventati più lunghi o che le tue gengive si sono ritirate?

  • Hai notato dei nuovi spazi tra i tuoi denti?

  • Hai dei denti che si muovono?

  • Hai spesso l’alito cattivo?

  • Digrigni i denti?

  • Qualcuno della tua famiglia ha o ha avuto problemi di parodontite?

Se hai risposto sì a una sola delle domande ti consigliamo di prenotare una visita dal tuo dentista

Soffri di parodontite, puoi mettere gli impianti a carico immediato?

Se la parodontite è ormai in stadio avanzato la perdita ossea può diventare molto consistente.  L’unica soluzione è di riabilitare il paziente con impianti dentali. Se vuoi saperne di più leggi questo articolo di approfondimento.

Vuoi avere maggiori informazioni?
CONTATTACI!

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

visita parodontale c3a5d324 - Parodontite: sintomi, rimedi e cura

Visita e indagine parodontale

gengive gonfie 8be6c35e - Parodontite: sintomi, rimedi e cura

Gengive gonfie, cause e rimedi

recessioni gengivali f5c94426 - Parodontite: sintomi, rimedi e cura

Recessione gengivale, sintomi cause e rimedi


CLINICA ODONTOIATRICA VILLA S.R.L.

Via Duomo 10, 13900 Biella 
Tel. 015.352481 | Fax: 015.26284
P.IVA/CF: 02109010021 
Cap. Soc.: € 10.000 i.v. | REA: BI 0180518 
P.E.C.: clinicaodontoiatricavilla@legalmail.it

Dir. San. Dott. Roberto Villa, iscrizione n° 301 Albo Odontoiatri di Biella

COME RAGGIUNGERCI
MAPPA: COME RAGGIUNGERCI
Per chi viene da fuori
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Chiamaci ora


Inviaci un messaggio

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.